Sei qui

Windows 11, app Android in Italia entro fine anno e altre novità alla Build 2022

Windows 11, app Android in Italia entro fine anno e altre novità alla Build 2022 - image  on https://www.zxbyte.com

È iniziata la conferenza annuale Microsoft Build 2022, e benché il focus principale dell'evento quest'anno sia la creazione di strumenti ideali per il lavoro flessibile ci sono alcune novità in ambito Windows 11 degne di nota anche per noi normali consumatori. Riassumiamo brevemente per punti:

  • App Android in Italia entro fine anno. Il Sottosistema Android è attualmente in test solo negli Stati Uniti, ma entro il prossimo dicembre arriverà anche in Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e appunto Italia. Ricordiamo che l'iniziativa è in sviluppo in partnership con Amazon e il suo Appstore.
  • Più integrazione delle PWA. Grazie ad aggiornamenti di Edge e del sistema operativo stesso, le Progressive Web App potranno aprire per default determinate estensioni file, e supporteranno la UI di condivisione di Windows 11. Inoltre, le notifiche da esse generate non figureranno nella tendina come se provenissero da Edge, mostreranno solo nome e icona dell'app.
  • Il sottosistema Android si aggiorna. Ora è basato su Android 12L, o con più precisione la versione 12.1 dell'Android Open-Source Project (AOSP). Almeno, per gli Insider: l'aggiornamento è stato distribuito la settimana scorsa. Sono stati migliorati anche svariati aspetti dell'integrazione con Windows, tra cui la gestione delle notifiche e tecnologie di networking più sofisticate.
  • Supporto a widget di terze parti. Con Windows 11 Microsoft ha puntato molto sulla possibilità di personalizzare l'esperienza d'uso del sistema operativo con i widget, tuttavia finora è stata l'unica a produrli. Il piano è sempre stato di estendere questa possibilità agli sviluppatori terzi, ed evidentemente i tempi sono finalmente maturi. Secondo l'annuncio, gli sviluppatori potranno sviluppare i widget sia Win32 sia PWA. È interessante osservare che, almeno stando alle dichiarazioni ufficiali di Microsoft, il paradigma di funzionamento rimane invariato: ovvero, i widget rimangono relegati al pannello dedicato che si può aprire cliccando nell'angolo a sinistra della taskbar. Questo nonostante appena qualche giorno fa Microsoft abbia introdotto un widget di ricerca Web (tramite Bing, naturalmente) posizionabile sul desktop.

MICROSOFT STORE

  • Microsoft Store sempre più universale. Ora tutti gli sviluppatori possono pubblicare le loro app tradizionali Win32, e sparisce la lista d'attesa usata finora.
  • Pubblicità nel Microsoft Store. Gli sviluppatori potranno pubblicizzare le loro app e giochi tramite la piattaforma Microsoft Advertising (immagine 1 qui sopra).
  • Ripristino app dopo installazione pulita/ripristino. Questa è una funzionalità molto comoda, mutuata dal mondo mobile, che può risultare un ottimo incentivo per gli utenti a usare il Microsoft Store. Funzionerà esattamente come ci si aspetta: basterà effettuare il login nel nuovo dispositivo, aprire lo Store e dirigersi nella Libreria. Un prompt lancerà la reinstallazione delle app con tanto di dati utente (immagine 2 qui sopra).

NUOVA LINFA VITALE A WINDOWS ON ARM

Questa è una notizia per sviluppatori, ma che ha potenziali ripercussioni enormi su un'intera categoria di prodotti consumer - i computer Windows con processori Qualcomm, come il Surface Pro X. Finalmente è disponibile una toolchain di sviluppo completa nativa ARM64. La speranza è che ciò invoglierà gli sviluppatori a incrementare i loro sforzi nella creazione di software ottimizzato. Le prime Preview della toolchain arriveranno, insieme a Visual Studio 2022, nelle prossime settimane; la società ha anche detto che sta lavorando per includere altri tool come Open JDK, Python, LL VM, Node e Git.

Microsoft ha anche annunciato Project Volterra, una dev box con chip Snapdragon, pensata primariamente per permettere agli sviluppatori di esplorare diversi scenari AI grazie alla Neural Processing SDK di Qualcomm. Purtroppo le informazioni concrete si fermano qui: non sappiamo la scheda tecnica, non abbiamo un'immagine, e non è chiaro quando arriverà o quanto costerà.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche