Sei qui

WiFi alla riscossa: la connessione alla rete (da casa) ai tempi del COVID-19

WiFi alla riscossa: la connessione alla rete (da casa) ai tempi del COVID-19 - image  on https://www.zxbyte.com

Stiamo vivendo giorni estremamente difficili, in cui il nostro pensiero è incessantemente rivolto al COVID-19. Tra paure e speranze, le nostre ore le passiamo in casa. Ecco dunque cambiare le abitudini, dal ritmo quotidiano fino alle modalità di comunicazione con familiari e amici. Qui ci viene in aiuto la tecnologia: è grazie ai social, alle chat ed alle videochiamate che possiamo ancora avere un rapporto con il mondo esterno, fatto che ci consente - si spera - di calmierare questo senso di "solitudine" che stiamo tutti vivendo in questo periodo.

E pare dunque ovvio che, passando più tempo in casa, il consumo di WiFi da smartphone sia cresciuto. É un dato in parte scontato (se non esco, è più facile che mi colleghi alla rete WiFi di casa piuttosto che a quella mobile), ma che fotografa in modo piuttosto netto e chiaro quanto abitudini e ritmi siano decisamente cambiati in queste ultime settimane. OpenSignal si concentra in particolare sul nord Italia, area del Paese che per prima è stata isolata per contenere la pandemia e che dunque da più tempo sta vivendo variazioni socio-comportamentali.

Lo studio evidenzia come gli abitanti del Settentrione abbiano cambiato le loro abitudini fin da subito: già da fine febbraio si è registrato un consistente incremento dell'utilizzo del WiFi a scapito delle reti mobile. Prima che entrasse in vigore il Dpcm dell'11 marzo 2020 che ha esteso i divieti a tutto il Paese, questa era la situazione:


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche