Sei qui

Sony Xperia, record negativo di vendite a inizio anno: solo 400.000 unità

Sony Xperia, record negativo di vendite a inizio anno: solo 400.000 unità - image  on https://www.zxbyte.com

La PS4 continuerà pure a macinare record di vendite a distanza di oltre 6 anni dalla sua presentazione, ma la divisione smartphone di Sony è in continuo calo. Sono appena 400.000 gli Xperia venduti nel corso del primo trimestre dell'anno 2020 (che coincide con il quarto trimestre fiscale della società). Si tratta della cifra più bassa di sempre, e rappresenta un crollo del 63,7% rispetto agli 1,1 milioni di unità dello stesso periodo dell'anno precedente.

Sony aveva già delle stime modeste - si parla di 700.000 unità - ma è molto probabile che la crisi generale causata dalla pandemia abbia giocato un ruolo determinante in una performance così scarsa. Detto questo, è vero che anche guardando l'anno intero (fiscale, quindi dal secondo trimestre del 2019 al primo trimestre del 2020) la situazione non migliora più di tanto: le unità spedite totali arrivano appena a 3,2 milioni, a fronte di stime di 3,5 milioni - già ribassate due volte (4 milioni a luglio 2019 e 5 ad aprile 2019). Per mettere le cose in prospettiva, Samsung nel 2019 ha venduto quasi 300 milioni di smartphone, Huawei 240 nonostante il ban, Apple 193 nonostante i prezzi mediamente molto alti (dati di Gartner).

La divisione mobile di Sony è in crisi già da anni ormai, ma la società ha sempre detto di non volerci rinunciare, anche solo per ragioni di ricerca e sviluppo (ricordiamo che, paradossalmente, Sony occupa una posizione di leadership nei sensori delle fotocamere degli smartphone). Il 2020, dice, sarà l'anno della rinascita: come LG, ha messo in atto una strategia di trasformazione e riposizionamento della propria offerta.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche