Sei qui

Siri che funziona offline? Un brevetto di Apple accende le speranze

Siri che funziona offline? Un brevetto di Apple accende le speranze - image  on https://www.zxbyte.com

Siri potrebbe funzionare anche offline, in futuro: è quanto suggerisce un brevetto Apple pubblicato in questi giorni dall'ufficio brevetti statunitense. I comandi pronunciati dall'utente, invece che essere inviati a un server remoto della società per il riconoscimento, sarebbero quindi elaborati tutti in locale. Naturalmente Siri avrebbe capacità limitate: banalmente, in assenza di connettività non potrebbe fare ricerche su internet. Ma non sarebbe certo inutile: potrebbe impostare promemoria, sveglie, timer, ascoltare musica locale e aprire app installate, per esempio.

Il brevetto di Apple prevede l'uso del machine learning per rendere sempre più affidabile il riconoscimento vocale in locale. Ha perfettamente senso: i SoC della casa di Cupertino sono tra i più potenti sul mercato, e nelle più recenti iterazioni includono il Neural Engine, coprocessore dedicato proprio alle attività dell'intelligenza artificiale. L'aspetto più interessante del brevetto, però, è che Apple suggerisce che il riconoscimento vocale in locale potrebbe avvenire anche in presenza di connettività internet.

Ogni comando vocale dato a Siri sarebbe quindi elaborato due volte. L'affidabilità delle due "traduzioni" sarebbe quindi valutata da un algoritmo AI; quella meno affidabile sarebbe quindi scartata. Questo tipo di ridondanza offrirebbe anche altri vantaggi: pensiamo per esempio a un'improvvisa perdita di disponibilità del server (per esempio se l'utente è alla guida e finisce in un'area senza rete).


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche