Sei qui

Recensione AMD Ryzen 7 5800X3D: la V-Cache 3D funziona alla perfezione

Recensione AMD Ryzen 7 5800X3D: la V-Cache 3D funziona alla perfezione - image  on https://www.zxbyte.com

Nell'attesa di vedere all'opera i primi esemplari di processori con architettura Zen 4, oggi vi raccontiamo la nostra esperienza con l'ultima novità di casa AMD per quanto riguarda la fascia consumer desktop, parliamo ovviamente del tanto chiaccherato Ryzen 7 5800X3D annunciato dall'azienda a marzo e disponibile sul mercato da circa un mese. Abbiamo trattato l'argomento Ryzen 7 5800X3D in diverse occasioni: si tratta del primo processore di questa categoria che utilizza la tecnologia 3D V-Cache, soluzione pensata ad-hoc dal produttore che mira a un incremento prestazionale soprattutto in gaming, andando a battagliare direttamente con i modelli Intel Core 12a gen Alder Lake-S più veloci.

L'implementazione di quella che in sostanza è una cache aggiuntiva, porta diversi benefici che, tuttavia, non sono riscontrabili in tutti gli scenari di utilizzo. E' evidente come AMD punti all'ambito ludico - gaming a 1080p per la precisione - ma, oltre a considerare il prezzo di listino di 449 dollari, c'è da segnalare anche un piccolo compromesso in ottica overclock che probabilmente non farà piacere agli smanettoni.

Il Ryzen 7 5800X3D chiude definitivamente la serie di CPU AMD Ryzen 5000 annunciata nel 2020, una linea di prodotti sicuramente di successo che, tra le altre cose, ha posto delle ottime basi per la futura generazione Ryzen 7000 (Zen4 appunto). L'ultimo arrivato sposa in toto le caratteristiche dei Ryzen 5000 desktop con architettura Zen3 - in particolare del Ryzen 7 5800X - offrendo però "un extra" di non poco conto; con i nostri test cercheremo di capire quanto e dove risulta efficace la 3D V-Cache implementata da AMD su questa CPU e, soprattutto, se riesce a battare i modelli di fascia alta Intel.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche