Sei qui

Memorie DDR5: arriva il nuovo record di Gigabyte a 10.022 MT/s

Memorie DDR5: arriva il nuovo record di Gigabyte a 10.022 MT/s - image  on https://www.zxbyte.com

Una sfida tutta in casa quella in corso tra le taiwanesi MSI e Gigabyte che nelle ultime settimane stanno battagliando a suon di benchmark per accaparrarsi lo scettro di migliore scheda madre per l'overclock delle memorie DDR5 (e non solo). Lo scorso 26 aprile MSI era stata la prima ad abbattere il muro dei 10.000 MT/s (o 10.000 MHz come erroneamente viene riportato), ottenendo il nuovo record mondiale grazie al team guidato da Kovan Yang, capace di spingere delle RAM Kingston a quota 10.004 MT/s su scheda madre MSI Unify X.

In attesa di ASUS, che sicuramente non starà a guardare, nelle scorse ore Gigabyte ha superato il record del competitor grazie al proprio team che, tra i vari componenti, vanta uno degli overclocker più esperti a livello globale, parliamo di HiCookie. In questo caso è stato utilizzato solo hardware prodotto in casa, dalla scheda madre Z690 AORUS Tachyon alle memorie AORUS DDR5, pesantemente overvoltate e raffreddate come di consueto con azoto liquido.

Il nuovo record è stato fissato ora a 10.022 MT/s, una frequenza notevole raggiunta anche con l'ausilio di un processore Intel Core i9-12900K. Per l'occasione la CPU è stata configurata con solo due core attivi, mentre lato RAM il team ha optato per un singolo modulo di memoria con timing 46-58-58-46-104-2 (decisamente più tirati rispetto alla configurazione MSI). Come detto sopra, ci aspettiamo a breve una risposta anche da parte di ASUS, il tutto sempre su piattaforma Intel Z690, l'unica che attualmente supporta il nuovo standard di memoria in attesa della prossima generazione di processori AMD Ryzen 7000 e Intel Raptor Lake-S. La piattaforma Intel, Z690, sta pian piano maturando sotto l'aspetto del supporto RAM, aiutata sicuramente da nuovi BIOS ad hoc e dalla diffusione (in crescita) dei moduli DDR5, in calo anche per quanto riguarda i prezzi al dettaglio.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche