Sei qui

iPhone 6: Apple era a conoscenza del “bendgate” sin da prima del lancio

iPhone 6: Apple era a conoscenza del

iPhone 6 e 6 Plus sono passati alla storia non solo come i primi iPhone a presentare schermi più ampi, bensì anche come i primi smartphone flessibili della casa di Cupertino. Pochi giorni dopo il lancio, infatti, è emerso quello che poi sarebbe diventato noto come bendgate, ovvero un difetto strutturale che causava una vera e propria curvatura del dispositivo.

Nei casi di lieve entità questa comportava un semplice difetto estetico, mentre in quelli più gravi ha prodotto danni fisici che causavano il malfunzionamento del display o la sua completa rottura, per via della pressione posta su alcuni elementi della scheda madre. Quando la vicenda divenne un vero e proprio caso mediatico, Apple dichiarò di non essere a conoscenza di difetti strutturali di questo tipo, tuttavia offrì la sostituzione in garanzia dello smartphone ad un prezzo scontato (149$ contro i 349$ solitamente richiesti). Secondo la casa della Mela, la rottura del display era dovuta a continue cadute o stress straordinario del terminale.

Oggi emerge che quanto dichiarato dalla società di Cupertino in quell'occasione non corrispondeva a verità: Apple era ben informata sulle debolezze di iPhone 6 e 6 Plus già prima del lancio. I dettagli sono stati svelati dalla documentazione interna richiesta alla società nel corso di una causa legale attualmente in fase di svolgimento, legata proprio alla vicenda bendgate.

(aggiornamento del 25 May 2018, ore 10:41)

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche