Sei qui

Huawei Mate 20 Pro: lo sblocco tramite scansione 3D del volto è davvero sicuro?

Huawei Mate 20 Pro è il primo smartphone della casa cinese ad integrare un sistema di sblocco tramite scansione 3D del volto, basato su una tecnologia molto simile a quella della TrueDepth Camera introdotta su iPhone X nel 2017. Questo metodo è noto per essere particolarmente affidabile ed offrire un elevato livello di sicurezza, al punto da poter essere utilizzato persino per l'autenticazione dei pagamenti da smartphone e per le operazioni bancarie, visto che il tasso con cui produce un falso positivo è di appena 1 su 1.000.000.

Tuttavia pare che qualcosa non sia andato per il verso giusto sul nuovo Mate 20 Pro, almeno stando a quanto riportato dai colleghi di AndroidPit. Durante alcune prove fatte in fase di recensione, Steffen e Christopher hanno notato di essere in grado di sbloccare ciascuno l'unità dell'altro tramite l'autenticazione facciale. I due si somigliano molto e hanno alcuni tratti distintivi in comune, tuttavia non sono fratelli e non hanno alcun legame di parentela, suggerendo quindi che l'algoritmo di sblocco applichi una semplificazione troppo elevata e causi un falso positivo con sin troppa facilità.

Huawei Mate 20 Pro potrebbe quindi essere molto meno sicuro di iPhone X? È ancora presto per poter fare una simile affermazione e, ad onor del vero, dobbiamo evidenziare un aspetto cruciale dell'intera vicenda. Al momento, nessuna delle unità di Mate 20 Pro distribuite alla stampa internazionale – inclusa la nostra – è dotata di un software definitivo, quindi è probabile che questo genere di problema sia legato esclusivamente alla release del firmware rilasciata ai recensori.

Huawei Mate 20 Pro è disponibile online da Bytecno a 1,099 euro. Per vedere le altre 4 offerte clicca qui.

(aggiornamento del 19 October 2018, ore 02:51)

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche