Sei qui

Green Pass COVID-19, Mario Draghi ha firmato il DPCM. Si parte dall’1 luglio

Green Pass COVID-19, Mario Draghi ha firmato il DPCM. Si parte dall'1 luglio - image  on https://www.zxbyte.com

Il Green Pass è ufficiale in via definitiva: il presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato oggi pomeriggio il DPCM che ne definisce, nero su bianco, tutte le modalità e le regole. Sarà valido in tutta l'Unione Europea (e quelli dell'Area Schengen) a partire dall'1 luglio. L'ultimo step di oggi è poco più che una formalità: le regole sono ormai perfettamente note da tempo, tutte le parti necessarie (UE, Garante Privacy) hanno dato la loro approvazione, i primi test sono stati completati.

Con la firma del DPCM, il Governo ha anche attivato il sito ufficiale (link in FONTE), che spiega al cittadino tutti gli step per ottenere la Certificazione verde COVID-19 (questo è il nome ufficiale). Il sito spiega che i certificati per tutte le vaccinazioni compiute fino al 17 giugno saranno rese disponibili entro il 28 giugno. I Green Pass saranno in tutto tre, in base al proprio status in merito alla COVID-19: uno di avvenuta vaccinazione, uno di avvenuta guarigione e uno di test negativo recente. Vale la pena precisare che, benché si parta dall'1 luglio, è stato previsto un periodo di assestamento di 6 settimane per il rilascio dei primi certificati.

Il Green Pass rilasciato in Italia sarà a tutti gli effetti valido in ogni Paese dell'Unione Europea; anche se ogni Stato ha la propria implementazione, i certificati fanno parte di una rete unica che ne garantisce l'intercompatibilità. Il certificato, come sappiamo, non è obbligatorio, ma diciamo che dovrebbe quantomeno facilitare le cose ai loro possessori. Non è da escludere che eventi (anche solo una serata in discoteca) e trasporti potranno essere accessibili solo a chi è vaccinato.


Il migliori Smartphone Apple? Apple iPhone 12, in offerta oggi da Dimstore a 686 euro oppure da ePrice a 763 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche