Sei qui

Apple contrattacca Epic Games in vista del processo e svela i cardini della sua difesa

Apple contrattacca Epic Games in vista del processo e svela i cardini della sua difesa - image  on https://www.zxbyte.com

"Project Liberty", come rivelato già a febbraio dal CEO Tim Sweeney, è il nome con cui internamente ad Epic Games si faceva riferimento al piano per aprire una controversia con Google e Apple in merito alle trattenute sulle transazioni effettuate dagli utenti tramite l'app di Fortnite per Android e iOS: insomma, il motivo di scontro che questa estate è esploso nel ban del gioco dall'App Store, e che presto finirà in tribunale, con il primo atto tra la software house e Cupertino fissato per il 3 maggio.

Sweeney aveva dichiarato che la pianificazione di questa battaglia legale fosse durata mesi, ma Apple nelle 500 pagine di documenti che ha appena presentato in vista del processo sostiene - tra le altre cose - che Epic Games abbia cominciato ad organizzarsi con un anticipo ben più largo, e precisamente già dal 2018. D'altra parte, prima di intraprendere un conflitto di queste proporzioni, e di farlo con un colosso come Apple e contestualmente anche con Google, occorre assicurarsi di avere una strategia ben definita che giustifichi lo sforzo e il rischio. Epic Games, secondo Apple, avrebbe intenzione di continuare ad approfittare dei vantaggi dell'App Store senza però versare il tributo a chi ha investito, coltivato e sostenuto l'ecosistema.

LA DIFESA

La difesa di Cupertino sostiene anzitutto che l'App Store, a partire dal suo esordio nel 2008, sia rimasto sostanzialmente invariato nella gestione delle tariffe sulle transazioni in-app: le politiche sono state aggiornate, sì, ma i principi fondanti sono rimasti identici. Per Apple le proprie linee guida costituiscono una garanzia in termini di sicurezza, privacy ed affidabilità, costituendo così un vantaggio rilevante per gli utenti finali.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche