Sei qui

24h con Xperia 1 II: il punto di convergenza della tecnologia Sony

Si è fatto attendere, bisogna ammetterlo; Xperia 1 II è infatti l'ultimo dei top di gamma Android, atteso per la prima metà dell'anno e finalmente nelle nostre mani da 24 ore. Quello di oggi non è altro che un primo approccio con questo particolare smartphone, così tanto chiacchierato per tutte le tecnologie che poi Sony è riuscita a metter insieme e senza stravolgere quanto già fatto lo scorso anno con la precedente generazione.

A prima vista è ovvia la somiglianza ma sotto questo "semplice" avvicendamento c'è molto di più: fotocamere e software professionali, sia per foto sia per video, display OLED 4K HDR (piatto) e linee atipiche, senza quelle soluzioni ormai fin troppo comuni nell'universo mobile. Ciò che mi piace di Sony è infatti la sua identità precisa; ad esempio non è mai voluta scendere a compromessi sul design del frontale e anche a questo giro mantiene una cornice poco più "pronunciata" che integra la fotocamera anteriore, niente notch o foro.

Ma a cambiare è un po' tutto, non si parla certo di capovolgimento di fronte bensì di affinamento, ogni singolo comparto sembra infatti migliorato, spinto nella giusta direzione. Se poi tutto ciò basterà a risollevare le vendite della casa giapponese non lo so, per quelle entrano in gioco tanti altri fattori come il prezzo, la tempistica di lancio, il marketing e la concorrenza.


Il perfetto compagno nella fascia media? Redmi Note 9 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 215 euro oppure da Unieuro a 287 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Leggi anche